• Annunci

    • Co'Bagnoli Staff

      Report Primo Laboratorio Co'Bagnoli   11/05/2016

      Al termine del primo Laboratorio organizzato all'interno del processo di consultazione pubblica Co'Bagnoli, sono state sintetizzate in un report le prime proposte emerse dai tre tavoli di lavoro attivati. Trovate i temi (Ambiente, Cultura e Turismo, Welfare e Servizi) discussi e gli orientamenti emersi dalla discussione nel documento allegato che è stato rivisto e integrato dai partecipanti ai lavori del 16 Aprile 2016. A breve, verranno caricate all'interno delle sezioni dedicate le proposte indicate nel report per aprire la discussione pubblica in vista del Secondo Laboratorio.

      Per commentare e interagire è necessario iscriversi al forum.

      Buon lavoro a tutti! Report Primo Laboratorio Co'Bagnoli.pdf
    • Staff

      Report Secondo Laboratorio Co'Bagnoli   28/07/2016

      Qui trovate il report completo della seconda giornata di consultazione pubblica Co' Bagnoli che si è tenuta il 20 luglio Per commentare e interagire è necessario iscriversi al forum.

      Buon lavoro a tutti!
        REPORT 2a giornata Co'bagnoli.pdf

9 risposte in questa discussione

Soggetto Proponente:
Tavolo Ambiente I laboratorio co' Bagnoli

Titolo Proposta:
Open Data Bonifica


Ambito di interesse: 
Ambiente


Obiettivo dell'idea progettuale:
Rendere trasparente l'operazione di bonifica dell'area inquinata SIN.


Breve descrizione dell'idea progettuale 
L'idea sarebbe creare un open data della bonifica in maniera tale da aggiornare i cittadini e tutte le persone interessate sullo stato di fatto e sull'avanzamento dei lavoro. I dati dovrebbero essere accessibili liberamente dal web oltre a dei punti di consultazione di quartiere.


Luogo in cui si svolgerebbe il progetto 
In rete e in alcuni punti del quartiere adibiti alla consultazione. Ad es. Museo del Mare, Istituto Nautico, Città del scienza ecc...
Soggetti che puoi coinvolgere in questo progetto 
Istituto Nautico, Museo del Mare, Città della Scienza, Municipalità


Soggetti che vorresti coinvolgere ma con i quali non hai contatti
ARPAC, ISPRA, CNR, Regione Campania


Durata del progetto 
durante tutta l'operazione di bonifica

a 3 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si tratta certamente di uno stimolo utile. Creare una piattaforma che condivida lo stato di avanzamento delle attività di bonifica durante la durata della operazione serve ad assicurare trasparenza per tutti i cittadini interessati. Sarà necessario individuare le informazioni essenziali che dovranno essere gestite, per evitare appesantimenti burocratici che poi rendono non leggibile o troppo tecnica l'informazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

LE PICCOLE VEDETTE AMBIENTALI CAMPANE.

Realizzare un sistema di osservazione per le operazioni di bonifica. Un titolo da libro Cuore per cominciare a metterci il cuore, a gettarlo oltre i "MURI CHE CI NASCONDONO IL MARE". Se, come si è detto, questo intervento rappresenta la più grande operazione di recupero ambientale d'Europa sembra opportuno innestare su questo processo un percorso di apprendimento da parte di studenti e ricercatori capace di lasciare qualcosa sul campo. Una "Corvette", una nave da guerra "armata per la pace" (presa tra quelle del piano di disarmo della Nostra Marina) da attrezzare per le escursioni scolastiche o turistiche sui siti di bonifica dei fondali. Al termine della Bonifica la stessa imbarcazione può essere riutilizzata quale laboratorio, centro di ricerca, un'eccellenza nel recupero ambientale, Un centro Ittiogenico Galleggiante, per la riproduzione ittica di specie marine o per la produzione di Bioriparatori (Alghe e/o rotiferi).e Bioricostruttori. Nei luoghi destinati ai giovani (Porta del Parco e Parco dello Sport) apporre due megaschermi in grado di proiettare istante per istante le fasi dell'avanzamento della bonifica. È anche opportuno fare di questa operazione un attrazione “turistica”. Molti potrebbero essere interessati infatti a visitare il cantiere e guardare il grande recupero ambientale di Bagnoli. Si potrebbe associare alle operazioni di bonifica interventi artistici o esperimenti culturali. Questo cambierebbe completamente l'approccio al Rilancio di Bagnoli, non rimandando lo stesso alla fine del recupero ambientale ma facendo di questo l'operazione di rilancio immediato del quartiere. Questa operazione è realizzabile con pochi mezzi, ad esempio acquistando una piccola imbarcazione per le visite guidate nelle operazioni di bonifica a mare. Altra qualità rilevante di questa proposta è quella di garantire la trasparenza del processo ai cittadini consentendo loro di visitare e osservare direttamente le operazioni, rimuovendo così le perplessità legate all'efficacia degli interventi.

a 3 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, Stefano Pisani dice:

LE PICCOLE VEDETTE AMBIENTALI CAMPANE.

Realizzare un sistema di osservazione per le operazioni di bonifica. Un titolo da libro Cuore per cominciare a metterci il cuore, a gettarlo oltre i "MURI CHE CI NASCONDONO IL MARE". Se, come si è detto, questo intervento rappresenta la più grande operazione di recupero ambientale d'Europa sembra opportuno innestare su questo processo un percorso di apprendimento da parte di studenti e ricercatori capace di lasciare qualcosa sul campo. Una "Corvette", una nave da guerra "armata per la pace" (presa tra quelle del piano di disarmo della Nostra Marina) da attrezzare per le escursioni scolastiche o turistiche sui siti di bonifica dei fondali. Al termine della Bonifica la stessa imbarcazione può essere riutilizzata quale laboratorio, centro di ricerca, un'eccellenza nel recupero ambientale, Un centro Ittiogenico Galleggiante, per la riproduzione ittica di specie marine o per la produzione di Bioriparatori (Alghe e/o rotiferi).e Bioricostruttori. Nei luoghi destinati ai giovani (Porta del Parco e Parco dello Sport) apporre due megaschermi in grado di proiettare istante per istante le fasi dell'avanzamento della bonifica. È anche opportuno fare di questa operazione un attrazione “turistica”. Molti potrebbero essere interessati infatti a visitare il cantiere e guardare il grande recupero ambientale di Bagnoli. Si potrebbe associare alle operazioni di bonifica interventi artistici o esperimenti culturali. Questo cambierebbe completamente l'approccio al Rilancio di Bagnoli, non rimandando lo stesso alla fine del recupero ambientale ma facendo di questo l'operazione di rilancio immediato del quartiere. Questa operazione è realizzabile con pochi mezzi, ad esempio acquistando una piccola imbarcazione per le visite guidate nelle operazioni di bonifica a mare. Altra qualità rilevante di questa proposta è quella di garantire la trasparenza del processo ai cittadini consentendo loro di visitare e osservare direttamente le operazioni, rimuovendo così le perplessità legate all'efficacia degli interventi.

Grazie per l'interessante contributo. E' a conoscenza di altre esperienze simili in Europa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che, finalmente #saremoprimi #saremofamosi #faremoricerca! ;-)

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Proposta interessante, forse Invitalia potrebbe già iniziare ad aprire i geo dati sulle caratterizzazioni dell'area fatte da Ispra 

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 17/5/2016 at 14:32, Pietro Spirito dice:

Si tratta certamente di uno stimolo utile. Creare una piattaforma che condivida lo stato di avanzamento delle attività di bonifica durante la durata della operazione serve ad assicurare trasparenza per tutti i cittadini interessati. Sarà necessario individuare le informazioni essenziali che dovranno essere gestite, per evitare appesantimenti burocratici che poi rendono non leggibile o troppo tecnica l'informazione

In realtà l'approccio open data prevede che venga data la massima disponibilità dei dati agli utenti perchè riconosce in essi la capacità di leggerli, assemblarli, confrontarli e, quindi, ricavare da questi dati ulteriori informazioni da rendere disponibili alla collettività.
Fornire una quantità di dati selezionati e incompleti è l'approccio tradizionale alla comunicazione pubblica. Per ulteriori informazioni https://it.wikipedia.org/wiki/Dati_aperti 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora